Il Casco Invisibile

Nel settembre 2012 compare sul mercato svedese il “casco invisibile” da bicicletta, che ha superato tutti i test previsti dalla Comunità Europea per questo tipo di dispositivi. Dire che sia un casco invisibile però è inesatto: è in realtà un collare, molto simile ad uno scaldacollo, che contiene al suo interno un accelerometro che invia i dati raccolti ad un processore. Quest’ultimo elaborando i dati ricevuti è in grado di riconoscere in tempo reale una situazione di pericolo, come ad esempio una caduta o un colpo di frusta. A questo punto dal collare fuoriesce un cappuccio che si gonfia in una frazione di secondo proteggendo la testa del ciclista malcapitato.

Immagine

Il progetto nasce dalle brillanti menti di due ingegnere svedesi che hanno sviluppato questa tecnologia in cinque anni di duro lavoro con finanziamenti di 10 milioni di euro, i cui frutti si vedono in questo video sui crash test effettuati sul casco.

Il ciclista che vuole apparire sempre alla moda e non avere mai i capelli spettinati dovrà però sborsare circa 400 euro per poter pedalare in tutta sicurezza. Forse un normale casco e un pettine sono una soluzione migliore, anche perché il casco Hodvig dopo la prima caduta va sostituito… 

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

SempliceMenteScienza

La Scienza spiegata... SempliceMente!!!

OggiScienza

La ricerca e i suoi protagonisti

Bizzarro Bazar

Strano, macabro, meraviglioso!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: